I Lacuna Coil chiudono con il botto il loro tour mondiale

I Lacuna Coil chiudono con il botto il loro tour mondiale

E’ sempre un piacere andare a rivedere a distanza di pochi mesi una delle migliori rock band italiane: i Lacuna Coil.

Cristina Scabbia e Andrea Ferro e Marco Coti Zelati sono i reduci della band originale, che con l’ingresso di un nuovo chitarrista e di un nuovo batterista, hanno girato tutto il Mondo, decidendo di chiudere il Delirium tour proprio a casa loro con 4 date a Pordenone, Roma, Milano e Bologna.

Come nelle altre date italiane, anche qui a Bologna al Zona Roveri, ci sono i lombardi Genus Ordinis Dei ad aprire il concerto, insieme ai danesi Forever Still, band emergente del panorama Rock/metal che ha recentemente fatto uscire il loro primo disco  Tied Down  per Nuclear Blast Records.

I G.O.D. hanno fatto uscire un disco molto interessante per una piccola etichetta danese. Dal vivo il loro  symphonic death metal è molto orecchiabile, nonostante questa sera ci siano dei problemi tecnici evidenti .
La loro bravura stilistica √® indiscussa, come la presenza scenica, ma sicuramente manca qualche cosa che con l’aiuto e l’esperienza di Marco Coti Zelati, potranno trovare, per fare un salto di categoria.

Dalla Danimarca¬†arrivano i Forever Still.¬†La voce e soprattutto la presenza scenica della cantante¬†Maja Shining ¬†saltano subito all’occhio. Le sonorit√† del gruppo ripercorrono altre band con voce al femminile come gli Evanescence e gli stessi Lacuna Coil. Le loro canzoni sono un mix tra hard rock con melodie molto intense con un pizzico di dark che non fa mai male. Sicuramente √® difficile andare oltre¬†Maja Shining, ma non sono male come gruppo, che di sicuro si discosta dal metal pi√Ļ puro, ma che sta riuscendo lo stesso a crearsi un nome in quella stretta cerchia di gruppi al femminile.

Alle 22 ecco salire sul palco i Lacuna Coil.
Rispetto a Piazzola sul Brenta partono con l’ultima traccia di Delirium ovvero Ultima Ratio.
Il freddo che c’√® fuori il locale bolognese, all’interno non si fa sentire grazie al pubblico che canta insieme a Cristina e Andrea due dei brani che li hanno resi pi√Ļ famosi, ovvero¬†Spellbound e Heaven’s a Lie.

Soprattutto la prima parte del concerto √® molto intenso con Andrea molto in forma, con la sua voce sempre pi√Ļ grow, con i nuovi membri che sembrano essersi integrati alla perfezione in un meccanismo gi√† oliato da anni di successi in giro per il Mondo. The Ghost Woman and the Hunter da Comalies mi sorprende perch√® non √® una hit come Swamped, ma si colloca alla perfezione in questa parte pi√Ļ aggressiva del concerto.¬†Trip the Darkness e¬†Our Truth portano l’ascoltatore nella seconda parte del concerto un pi√Ļ soft dove vede la presenza l’immancabile¬†Enjoy the Silence.
Qualche siparietto tra Cristina e Marco portano il concerto alla fine con Genus Ordinis Dei e Forever Still salire sul palco per cantare con i Lacuna Nothing Stands in Our Way.

Gli encore sono la title track Delirium, l’immancabile Zombie e il testa coda del disco ovvero¬†The House of Shame.

Devo dire che se a Piazzola si sentiva che la band non era ancora rodata, qui a Bologna ho visto un gruppo unito e affiatato, che nonostante gli innumerevoli successi, si dimostra una delle migliori band italiane in circolazione.

Setlist:

Ultima Ratio
Spellbound
Die & Rise
Heaven’s a Lie
Blood, Tears, Dust
Ghost in the Mist
The Ghost Woman and the Hunter
Trip the Darkness
Downfall
You Love Me ’Cause I Hate You
Our Truth
Enjoy the Silence
(Depeche Mode cover)
Nothing Stands in Our Way
Encore:
Delirium
Zombies
The House of Shame

Un Ringraziamento a Vertigo per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani

Genus Ordinis Dei

Forever Still

Lacuna Coil

You might also like

GALLERY

Mannarino inaugura l’Apriti Cielo Tour con un doppio sold out a Roma

L’Apriti Cielo Tour di Mannarino √® approdato in quel di Roma per un doppio concerto sold out che ha visto il Palalottomatica riempirsi per ben due giorni di fila.  Complice il

GALLERY

Slipknot: il racconto e le foto del concerto di Padova

Per la gioia di tutti i maggots italiani ecco tornare dal vivo la band dei 7 (+2) mascherati dell’Iowa.¬†Senza una band di supporto l’attesa si √® fatta snervante fino alle

REPORTAGE

Una affascinante Malika Ayane al Creberg Teatro di Bergamo

Bellissima serata al Creberg Teatro per la tappa di Bergamo del ‚ÄúNaif tour 2015‚ÄĚdi Malika Ayane.¬† Un vero e proprio viaggio musicale tra note e colori quasi a disegnare un