La carica hardcore dei Touché Amoré sul palco del Covo club di Bologna

La carica hardcore dei Touché Amoré sul palco del Covo club di Bologna

Sui calendari degli amanti del genere hardcore la data del 10 febbraio 2017 è segnata in rosso.

Una piccola anticipazione è stata data ieri a Milano, ma questa sera al Covo club di Bologna i Touchè Amorè hanno ribaltato tutto il locale emiliano.

Ad accompagnare la band californiana ci sono gli Swain ed i Angel Du$t.

Soprattutto la band del Maryland mi ha veramente impressionato.

Gli Angel Du$t mischiano rock , hardcore e punk , per un mix devastante e spensierato.

Band pressochè sconosciuta in Italia, ma che negli Stati Uniti sta ricevendo molte recensioni positive ed è uno dei migliori gruppi Hardcore della nuova generazione.

I Touché Amoré non hanno di certo bisogno di presentazioni.

I Touché Amoré sin dall’esordio nel 2008 hanno ottenuto un consenso unanime di pubblico e critica, grazie al loro sound innovativo nel genere ed a una capacità di stare sul palco fuori dal comune. I cinque musicisti di Los Angeles riescono a trovare un equilibrio perfetto di rabbia e melodia in ogni canzone che compongono, e costruiscono una tensione musicale unica, sovrastata dalle grida eccezionalmente armoniche ed appassionate del cantante Jeremy Bolm, con le sue liriche mature e introspettive.

Sono qui in Italia per presentare Stage Four, uscito per Epitaph lo scorso 16 settembre, dove la band riprende sonorità hardcore/punk.

Jeremy Bolm sembra un tipo tranquillo e sereno, ma una volta preso il microfono in mano si trasforma in un “supereroe” dell’HC, cantando, perennemente in mezzo al pubblico, tutti i brani che li rappresentano di più.

Chiaramente nella setlist trovano spazio i brani di Stage four, ma pescano anche brani di Parting the Sea Between Brightness and Me e soprattutto di Is Survived By come la stupenda Just Exist.

Le loro canzoni sono dei continui pugni nello stomaco che fanno perdere qualsiasi cognizione del tempo,tanto che alla fine del concerto non ci si rende neanche conto che sia passata solamente un ora. 

Un ringraziamento particolare a HUB Music Factory per il gentile invito.

Foto e Testo di Carlo Vergani

Touché Amorè

Angel Du$t

You might also like

RECENSIONI

Let’s Play Two: il docu-film dei Pearl Jam in anteprima per l’Italia

Ieri alcuni fortunati  hanno potuto vedere in anteprima assoluta per l’Italia Let’s Play Two, il documentario girato da Danny Clinch e dedicato ai due concerti suonati dai Pearl Jam nel 2016

GALLERY

25 anni di Hanson al Fabrique di Milano

Era esattamente il 1997 quando tre ragazzini biondi provenienti dall’Oklahoma lanciarono sul mercato MMM Bop, brano che diventò un vero e proprio tormentone, scalando le classifiche di tutto il mondo.

GALLERY

Francesca Michielin: un talento che deve ancora maturare

La carriera dei vincitori dei talent show segue regole quasi sempre costanti Appena si spengono i riflettori della finale inizia una breve stagione di grande mediaticità, che solitamente dura fino