Il rock pschedelico dei Kula Shaker sul palco di FestaReggio 2016

Il rock pschedelico dei Kula Shaker sul palco di FestaReggio 2016

Era il 1996 quando i Kula Shaker con il loro album K saltarono in un attimo al primo posto delle classifiche britanniche. Il successo e il clamore di questo disco li ha portati al successo, ma purtroppo è durato solamente quattro anni prima che la band si riformasse nel 2005 per cercare di ripercorre i fasti di quegli anni.

Effettivamente i Kula Shaker sono e penso saranno solamente il gruppo che nel 1996 fece uscire K perchè negli anni successivi non sono mai riusciti a trovare la giusta chimica per dei brani di successo a parte alcuni brani di Peasants, Pigs & Astronauts come Mystical Machine gun. Sta di fatto che sono tornati proprio nel 2016 con un nuovo disco K 2.0 e  tornano in Italia e in particolare a Reggio Emilia per far ascoltare il loro rock psichedelico. Della formazione originale manca solo Jay Darlington sostituito  perfettamente da Harry Broadbent, mentre Crispian Mills, Alonza Bevan e Paul Winterhart sono sempre rimasti fedeli al progetto.

Con tutto questo nuovo materiale il pubblico piano piano entra nell’arena concerti di FestaReggio curiosi di ascoltare una delle migliori band britanniche degli anni 90.

Scelgono come opener¬†Sound of Drums tratta dal disco¬†¬†Peasants, Pigs & Astronauts del 1999.¬†Questo brano scalda subito il pubblico e fa capire che nonostante siano passati 20 anni la musica dei Kula shaker ha passato la prova del tempo che passa inesorabilmente.¬†Essendo un gruppo che non √® mai andata d’accordo con il brith pop dell’epoca scegliendo sonorit√† pi√Ļ mistiche, orientali e psichedeliche in generale, sono riusciti con il tempo a farsi amare da diverse tipologie di ¬†fans che ancora oggi li ascoltano e li venerano come vent’anni fa.¬†Nonostante abbia 43 anni suonati il frontman,¬†Crispian Mills si muove con la sua chitarra come un ragazzino senza mai perdere la bussola e senza mostrare nessun segno di stanchezza.

I brani pi√Ļ acclamati sono stati senza dubbio¬†Grateful When You’re Dead / Jerry Was There, Tattva, Shower Your Love e 303. I¬†brani pi√Ļ nuovi come Infinite sun suonano un po’ male e soprattutto si sono visti segni di ruggine verso una band che √® da sei anni che non produce pi√Ļ un disco di inediti, ed √® anche per questo che forse nella scaletta ci sono pi√Ļ brani di K che della sua naturale trasformazione in 2.0.
Un po’ di nostalgia √® arrivata soprattutto con Mystical Machine gun, forse il loro pi√Ļ grande successo che per√≤ in questa versione iper psichedelica, secondo me lascia un po’ a desiderare.¬†La cover di¬†Hush ¬†di¬†Joe South ¬†√® stata perfetta e ha chiuso alla grande la prima ora di concerto prima degli encore.

Hey Dude e la splendidia Govida chiudono un concerto che mi ha fatto fare un bellissimo tuffo nel passato.

Setlist:
Sound of Drums
Hurry on Sundown (Hawkwind cover)
Grateful When You’re Dead / Jerry Was There
Temple of Everlasting Light
Infinite Sun
Shower Your Love
303
Oh Mary
Mountain Lifter
Ophelia
Mystical Machine Gun
Smart Dogs
Tattva
Hush (Joe South cover)
Encore:
33 Crows
Hey Dude
Govinda

Un ringraziamento particolare a Festareggio per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani

You might also like

REPORTAGE

Xavier Rudd: grandi emozioni in musica al Parco Tittoni di Desio

Forte del successo dei live dello scorso anno, Xavier Rudd è finalmente tornato in Italia per riconfermare la stima che il pubblico italiano ha per la sua musica, con tre

GALLERY

Grande accoglienza a Padova per il Maximilian Tour di Max Gazzè

Grande successo, ieri sera 25 Marzo 2016, al Gran Teatro Geox di Padova, dove Max Gazzè ha presentato al folto pubblico accorso i brani del nuovo ed apprezzato album Maximilian, uscito

REPORTAGE

Marracash e Guè Pequeno alla conquista di Milano

Ecco le fotografie della prima tappa meneghina dei rapper Marracash e Guè Pequeno, che stanno portando in tour il loro album Santeria. Uscito lo scorso anno, Santeria ha riscosso molto