Joe Jackson: una serata raffinata al Teatro dal Verme di Milano

Joe Jackson: una serata raffinata al Teatro dal Verme di Milano

Joe Jackson, vero e proprio genio anticonformista e raffinato della musica internazionale, dopo il trionfale tour in Nord America e in Europa, ha fatto tappa ieri sera 8 marzo, al Teatro dal Verme di Milano (Sold Out), per l’ultimo dei quattro concerti italiani. Un ritorno in grande stile dopo la sua ultima apparizione in Italia nel 2012.

Apprezzato e seguito in tutto il mondo, poliedrico come pochi suoi colleghi, l’artista britannico, oltre alle sue canzoni di maggior successo, ha presentato il nuovo album Fast Forward‘, da poco pubblicato in Italia da Edel, e che segna il ritorno alla scrittura ‘pop’ dopo anni di esperimenti, live e contaminazioni.

Joe Jackson ha viaggiato molto per il mondo e ha scritto, registrato, prodotto e arrangiato il suo ultimo disco in quattro diverse città (New York, New Orleans, Berlino e Amsterdam) tutte con un set diverso di musicisti (da Bill Frisell a Greg Cohen): il risultato è un album raffinato ma accessibile, da scoprire ascolto dopo ascolto.

Eternamente controcorrente, refrattario a tutte le mode e i cliché, Joe Jackson nella sua quarantennale carriera è riuscito sempre a penetrare a fondo lo spirito autentico di ogni stile, spaziando dal punk al reggae, dal rock al blues, dal pop al jazz, dal soul alle colonne sonore, fino alla Classica, senza mai scivolare nella superficialità. Non c’è praticamente ambito musicale che il suo genio onnivoro non abbia toccato e approfondito, mantenendo sempre standard di qualità elevatissimi. Quasi senza precedenti nel pop-rock, la sua poliedricità di musicista, cantante, paroliere, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra. Tra i suoi brani di maggior successo figurano Is She Really Going Out With Him?, Steppin’ Out, You Can’t Get What You Want (Till You Know What You Want), Night and Day e vanta cinque nomination al Grammy Award tra il 1979 e il 2001. Ma i miei ricordi risalgono anche alle sue stupende Beat Crazy, Look Sharp, I’m The Man e molti altri.

Ad accompagnarlo sul palco: Graham Maby (basso), Teddy Krumpel (chitarre) e Doug Yowell (batteria). Un concerto per gli amanti della musica di qualità, un’oasi a cui attingere per rigenerarsi di leggerezza, classe e intelligenza. Per chi poi lo segue da tantissimo tempo, un vero piacere poterlo riascoltare abbandonandosi alle sue stupende melodie che hanno avccompagnato particolari ed indimenticabili momenti di vita.

Fonte http://www.danielemignardi.it/

Nel ringraziare Nadia Rosciano di Daniele Mignardi Promopressagency http://www.danielemignardi.it/  e Bpm Concerti www.bpmconcerti.com , vi lasciamo ad una selezione scatti della serata a cura di Stefanino Benni

 

Previous Francesco Sarcina annuncia le prime date del Femmina Tour
Next Bruno Mars: il nuovo album entro la fine dell'anno

Editor review

Summary

Il Fast Forward Tour di Joe Jackson è approdato ieri sera al Teatro Dal Verme di Milano.

You might also like

REPORTAGE

Paul Weller: show memorabile nel Porto Antico di Genova

L’arena del Porto Antico di Genova ha ospitato ieri sera una delle tappe italiane di Paul Weller. Erano circa due anni che l’ex frontman di The Jam e Style Council mancava dall’Italia. L’ultima apparizione risaliva al luglio 2015

RECENSIONI

Raphael Gualazzi porta il suo genio musicale a MonfortInJazz

Tra i paesaggi vitivinicoli patrimonio dell’Unesco, c’è una perla che poco ha a che fare con il vino, ma che è conosciuta in tutto il mondo. Stiamo parlando dell’Auditorium Horszowsky,

GALLERY

Al Parco della Musica di Roma risuona la voce di Arisa

Dopo la partenza con la data zero a Cascina (lo scorso 12 Gennaio), Arisa – chiusa la parentesi X Factor – ha ufficialmente inaugurato il suo nuovo tour, intitolato Voce 2017. Un