Jess Glynne: una voce nera per il Gru Village

Jess Glynne: una voce nera per il Gru Village

Fino a ieri sera conoscevamo Jess Glynne soprattutto per aver collaborato con i Clean Bandit, incidendo il brano Rather Be. Tuttavia eravamo di conoscerla dal vivo ed ascoltare il suo progetto solista.

Così abbiamo accolto l’invito del Gru Village ad abbiamo sfidato le pessime previsioni del tempo con l’obiettivo di saperne di più.

La prima sorpresa è stata vedere sul palco una band di tutto rispetto ( due chitarre, basso, tastiere, batteria, tre fiati e tre coristi) e questo ci ha fatto intuire che l’artista britannica avrebbe avuto molto da dire.

Così è stato. Ci ha colpito innanzitutto la sua voce, black che di più non si può, ma anche il suo appeal musicale in grado di spaziare dal R’n’b, il soul,il funk ed anche la dance. 

Per un attimo abbiamo chiuso gli occhi e ci siamo ritrovati in pieni anni ’80 convinti di essere al cospetto degli Earth Wind & Fire, ma riaprendoli abbiamo capito (se ancora ce ne fosse bisogno) che Jess è un’artista a tutto tondo, in grado di regalare emozioni e di vivere di luce propria

Un’ora e mezza di spettacolo, appena rovinato dalla pioggia che ha iniziato a cadere verso la fine della serata. Ma nessuno è scappato, perché sul palco c’era chi dava spettacolo ed era giusto onorarlo con una presenza calda e partecipe.

Ringraziamo Le Gru e Las Chicas Adfarm per l’invito.

You might also like

CONCERTI

Il ritorno dei Kiss in Italia: due date in primavera per la band

Dopo le già annunciate tappe in Russia, Finlandia, Svezia, Norvegia, Germania, Austria e Olanda, i Kiss aggiungono al loro viaggio Danimarca, Repubblica Ceca, Regno Unito e, per la felicità di

CONCERTI

Modà: aggiunto un nuovo appuntamento a Milano

Dopo il grande successo di San Siro e delle date invernali nei palasport, i Modà torneranno a suonare nei palazzetti di tutta Italia a Marzo e, a grande richiesta, si

REPORTAGE

La potenza rock dei Truckfighters fa vibrare il Freakout di Bologna

I posti come il Tunnel di Milano o il Freakout di Bologna, sono quei posti molto garage rock, dove fa caldo dal primo gennaio al 31 dicembre, ma che incarnano