Il Magnolia scalda il cuore di Jeremy Loops

Il Magnolia scalda il cuore di Jeremy Loops

Per la prima volta nella sua carriera Jeremy Loops si esibisce per un concerto in Italia, nonostante abbia vissuto a Livorno per due anni facendo i più disparati lavori, ma mai nel campo musicale.
La location è quella del Circolo Magnolia di Segrate (MI), una location intima e perfetta per questo debutto.
Visibilmente emozionato, Loops utilizza ogni pausa utile per raccontare aneddoti della sua vita dai suoi studi di economia alla decisione di non intraprendere quel tipo di carriera, per dar sfogo ai suoi sogni di artista e musicista incitato dai suoi amici Italiani per i quali ha un posto speciale nel suo cuore.
Il concerto inizia con una serie di campionamenti della sua voce stile beat box con il quale imbastisce un pezzo dance, ma molto melodico.
La musica di Jeremy Loops è caratterizzata dall’uso del campionatore per mandare in loop sia pezzi di chitarra, di armonica che la sua voce. Il pubblico del Magnolia risponde con grande energia, fino ad arrivare al suo pezzo più conosciuto, Down South, con l’ingresso sul palco di Motheo Moleko per una performance indimenticabile.

Si ringrazia Barley Arts per il gentilissimo invito.

Testo e foto a cura di Romano Nunziato

You might also like

GALLERY

La promessa del pop Halsey presenta il nuovo album a Milano

E’ finalmente approdata in Italia la nuova promessa del pop mondiale Halsey, reduce da un sold out al Fabrique di Milano dello scorso anno. Stavolta la location è quella dell’Alcatraz,

NEWS

Wind Music Awards 2016: all’Arena di Verona la festa per Pippo Baudo

Seconda giornata per i Wind Music Awards 2016 all’Arena di Verona, che ieri sera hanno debuttato anche sulla rete ammiraglia Rai, in diretta. Ricordiamo che la serata di lunedì 6

RECENSIONI

Iamx: tecnica e ritmo per sbancare il Lo-Fi di Milano

Mentre a poche centinaia di chilometri Madonna metteva in piedi al Pala Alpitour di Torino il consueto carrozzone fatto di tanti effetti scenici e poco spessore musicale, nel piccolo locale Lo-Fi di Milano