Minor Swing Quintet domani live al JAZZMI, intanto leggete l’intervista

Questo disco è la nostra dichiarazione d’amore alla musica, di quanto crediamo nei rapporti umani, nella stima reciproca, e di quanto sia meraviglioso suonare insieme. lo dedichiamo a tutte le persone che vogliono continuare a seguirci nel nostro viaggio: da Bologna, al Mali, agli Stati Uniti, al Nord Europa e in qualsiasi altro posto vorremo andare. chiudete gli occhi, aprite il vostro cuore e godetevi il nostro disco. godetevi Minor Mali”.

 

Ci parlavano così i Minor Swing Quintet del lor disco intitolato Minor Mali, che è uscito lo scorso 8 giugno. Un concentrato di ritmo e amore per un suono fresco e percussivo, garante dell’idea di contaminazione e amicizia musicale.

Domani, 10 novembre, i nostri si esibiranno al JAZZMI, alle ore 11 presso lo spazio Intesa SanPaolo, per un live gratuito tutto da vivere.

In attesa, li abbiamo intervistati.

 

1 Il futuro è la contaminazione e voi MInor Swing in questo siete avanti. Ma come la mettiamo con la brutta aria che tira in giro col ritorno dell’identità e dei confini?

Minor Swing Quintet: La contaminazione è sempre stata la naturale e spontanea linfa all’interno del nostro quintetto, ci piace mescolare tutte le nostre conoscenze ed emozioni, musicalmente e umanamente; in un momento in cui si parla sempre più di confini e muri, noi continuiamo nel nostro piccolo a sconfinare, ad aprire varchi, descriviamo il mondo per come lo continuiamo a vedere e ci esprimiamo per quello che siamo: un’identità variegata e ampia mai selettiva o unitaria…come una bella boccata d’aria fresca!

2 Viste le premesse, come nasce il vostro spirito variopinto e  multiculturale? Provate molto insieme?

Minor Swing Quintet: In realtà la maggior parte delle prove dei Minor è sui palchi, non proviamo tantissimo, è proprio il live che ci permette di costruire insieme i brani, ogni volta con sfumature diverse e il contatto con il pubblico è parte integrante e fondamentale di questo processo: è uno scambio continuo da cui attingiamo colori, stimoli e idee.

3 Quali sono i vostri ascolti maggiori in questo momento?

Minor Swing Quintet: Ognuno di noi stilerebbe una lista infinita probabilmente, quindi ti diciamo gli ascolti comuni che ultimamente, nei viaggi in furgone tra una data e l’altra, ci hanno fatto compagnia: Vulfpeck, Ibrahim Maalouf, Bello Figo, Limp Bizkit, Tiziano Ferro e un po’ di classica che non guasta mai.. decisamente una playlist “Minormale” come noi.

4 La musica, secondo voi, ci salverà dal buio culturale? In questo,  avete una responsabilità anche voi, positiva si intende.

Minor Swing Quintet; Credo che in realtà ci sia molto fermento culturale e artistico, bisogna solo tenere occhi, orecchie e cuore aperti, noi semplicemente cerchiamo di facilitare questa apertura con la nostra musica; è una responsabilità certo e non sempre ci si riesce in pieno ma preferiamo vederla come una grande opportunità da non sprecare, anzi da cogliere e portare avanti ogni giorno col sorriso!

Andrea Alesse

recensioni@thefrontrow.it



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi