Nichilismo e pensiero critico, intervista ai Daughters

Nichilismo e pensiero critico, intervista ai Daughters

Una band culto, una tensione emotiva che sgorga dalle loro liriche. Noise figlio del lamento e invettive contro il tempo della sconfitta umana, con parentele nella new wave gotica e nell’industrial.
I Daughters, da Providence, USA, sono una forza surreale che è in pista dal 2002.
Sopravvissuti all’estinzione e ai cambi di formazione, oppure, se volete, inarrestabili perchè in grado di capire l’involuzione della specie. Dopo il loro ultimo album, il quarto, dal titolo evocatico You Won’t Get What You Want, i Daughters arrivano per una data unica, e per la prima volta, in Italia.
 
Appuntamento il 18 ottobre al Locomotiv di Bologna, grazie a Radar concerti
 
Intanto, eccovi l’intervista al chitarrista Nick Sadler, per parlare di nichilismo, musica contro l’America, e tanto altro.
 
Il vostro ultimo album, You Won’t Get What You Want, sembra una dichiarazione di guerra
Nell’era di Internet, piena di false possibilità infinite, l’uomo moderno ha perso il senso delle possibilità reali.
Secondo te, questa nuova era è “disumana”?

Non credo che ci siamo resi conto di vivere in questo vuoto digitale per dire che viviamo in un’era così disumana, non ancora.Tuttavia, ciò mina in molti modi, sempre più importanti, la nozione di comunità, isolando gli uni dagli altri attraverso le lenti distorte dello smartphone e dei social media. Sembra strano, ma  di recente mi sono chiesto se Internet e i videogiochi immersivo sono alcuni dei nostri primi passi verso l’idea folle del postumanesimo.

Ascoltando canzoni come “City song” o “Satan in the wait”, sembra che la vostra musica sia in grado di  ridefinire il concetto di nichilismo. Ci hai mai pensato? Possiamo considerare le pulsazioni Ebm e  i ritmi industriali come prove di questo nichilismo?

Apprezzo questa tua opinione, ma sento solo un nichilismo di base nella nostra musica e nei nostri testi;  non sono del tutto sicuro della misura in cui abbiamo inserito il nichilismo consapevolmente nella musica. Forse ciò che è nuovo o ridefinito è il tempo e il luogo  della nostra musica, e tutte le varianti del sistema di pensiero moderno di altri che possiamo improvvisamente vedere, che erano meno visibili nel nostro passato.
Mi sento nichilista, ma ciò sta lavorando contro l’ottimismo insito nel mio sistema di pensiero. I dettagli dell’EDM e della musica industriale, e molto probabilmente qualsiasi altra musica, sono solo dadi e bulloni finché non sono modellati da umana interazione. I generi  musicali non mi sono mai sembrati come emblemi definitivi del nichilismo nel loro profondo, ma posso certamente vedere le prove del nichilismo in molti di questi album che contengono questi suoni. Oltre a ciò, ritengo che il nichilismo può essere trovato su molti dischi, che coprono molti generi.

Oggi la società americana sta affrontando molte contraddizioni. È la musica di Daughters a misura della rivolta del pensiero critico? Non sembrerebbe proprio così?

Non direttamente, ma penso che i membri di Daughters apprezzino  e rappresentino passivamente il pensiero critico nella nostra musica, e ciò che nutre le nostre menti. La maggior parte della musica è influenzata da una comunità e / o un’ambientazione vicine (immagino che ora sia una specie
di un sentimento globale). Potrebbe essere che, svolgendo i nostri soliti affari, abbiamo pubblicato un album che è una misura subconscia della rivolta del pensiero critico e di altre malattie moderne nel momento giusto. Conoscendo i miei compagni di band e avendo qualche intuizione, posso dire con fiducia che i membri di questa band si inclinano tutti nella direzione del pensiero analitico, e così via. Vedo però l’impatto emotivo che questo album sta avendo sugli ascoltatori e nel tuo caso, gente che ha letto o sentito profondamente le sue implicazioni sociali come piuttosto astratte e sicuramente surreali.

Ci sono episodi quotidiani che influenzano il vostro suono e il  songwriting?

Non la pensavo originariamente così, ma dopo mesi che questo album è stato rilasciato, alcune delle conversazioni sulla nostra musica e sui membri della band mi fanno pensare che ci sia molto  un lavoro di subconscio in questo album pià di quanto non pensassi all’inizio. Non so perché le cose arrivino ad influenzarmi, arrivini e abbiano un impatto. So di essere influenzato dal mio contesto e dai dintorni della comunità, e ho la fortuna di provenire da un posto nel mondo vibrante e creativo. Detto questo, gli anni che ci sono voluti per costruire questo album sono stati gravati da tempi e prospettive molto oscuri, e, tornando al mio subconscio, penso che la musica più oscura, la musica ambient, le colonne sonore dei film e la musica elettronica minimalista hanno funzionato bene nel confortare un temperamento parallelo.

Verrete in Italia il prossimo ottobre. Troverai un paese che non è “nel suo miglior momento”.
Cosa ti aspetti dalla folla italiana?
 
Non ci avevo mai pensato fino ad ora. Non ho particolari aspettative. Proveremo solo a passare una buona serata insieme.
 
A.A.
recensioni@thefrontrow.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi