Pronte a mettersi in gioco, intervista alle I’m Not a Blonde

Pronte a mettersi in gioco, intervista alle I’m Not a Blonde

L’energia che sprigionano dal vivo è pura vitalità e sensualità, come abbiamo recentemente apprezzato nella bolgia del Wired Festival dello scorso maggio e nella più tranquilla e elegante serata dei venerdì della Rotonda della Besana di luglio.

Sono le I’m Not a Blonde, duo composto da Chiara Oakland Castello e Camilla Matley, fautrici di una electro power music che ammira il pop e il clash sound. Un duo di colleghe/artiste che proviene da Milano e che nel 2015 ha tirato fuori Introducing I’m not A blonde, abbandonandosi poi nel 2017 alla coinvolgente  electro dance di A Reason.
Iriverenti e ironiche al punto giusto, le I’m Not a Blonde ci hanno concesso 4 domande quattro, con la solita cordialità e determinazione.
Eccole per voi.

The Front Row: Domanda banale ma necessaria. I’m not a blonde elettro pop fatto con intensità e cuore. Parlate i un po’ di voi è del progetto.
I’m Not a Blonde: Il progetto nasce  a settembre 2014 con la pubblicazione di un primo EP. Abbiamo deciso poi di farne uscire altri due durante il 2015 tutti e tre contenenti tre pezzi e chiamati ironicamente EP 01-02-03.  Siamo nate senza l’idea precisa del genere e di che tipo di duo saremmo state e questi Ep ci sono serviti per far emergere la nostra identità. A questo punto abbiamo scoperto di essere un gruppo “arty-electro-punk-pop ” 🙂 Inizio 2016 abbiamo raccolto questi EP in un album “Introducing I’m Not A Blonde ” e dopo poco abbiamo iniziato a scrivere con calma il nuovo album che uscirà a fine di quest’anno. Ci siamo prese del tempo per evolverci, capire chi e cosa stavamo diventando. 

 The Front Row:  Quanto entra in I’m not a blonde l’estetica riot girls?
I’m Not a Blonde: Non saprei , non ho mai visto nulla di Riot nelle I’m Not a Blonde. Semplicemente facciamo musica non ” rassicurante ” paragonata a quello che è il panorama italiano attuale. Nella nostra musica si mischiano ascolti post punk e new wave con musica pop anni ’80 ma we are not riot girlzzzzzz . 

 The Front Row: L’ironia appare una delle vostre armi, vedi il nome del duo. Sbaglio o vi piace anche essere leggere?
I’m Not a Blonde: Per noi l’ironia è fondamentale in tutti gli aspetti della nostra vita. L’ironia permette di essere critici senza  prendere le cose di petto ed è uno strumento che aiuta a sfogare le incazzature causate dall’osservazione del mondo in cui viviamo. E’ anche un modo per prendersi un po meno sul serio, per mettersi in gioco. 

 The Front Row: Apprezzo molto il vostro combat elettro pop, e , in attesa dell’album, volevo sapere  quali sono i progetti per il futuro? 
I’m Not a Blonde: Come detto ora ci concentreremo sulla promozione dell’album nuovo che sarà anticipato da un paio di singoli. Parallelamente Chiara è impegnata anche in altre due collaborazioni ( un disco con Cesare Malfatti e uno con Laziero Rescigno ) . Io ( Camilla ) vorrei scrivere  una colonna sonora per il mio primo film immaginario.

Grazie alle I’m Not a Blonde e a Nina di Astarte Agency

Testo a cura di Andrea Alesse
recensioni@thefrontrow.it

 

Previous Zucchero torna a settembre all'Arena di Verona
Next Arch Enemy: un nuovo assaggio di Will To Power con il singolo The Eagle Flies Alone

You might also like

INTERVISTE

Intervista a Roberto Binetti: Vi accompagno nel mio Universo Fantasia

Il pianista Roberto Binetti, milanese di 53 anni, ha recentemente lanciato il suo disco d’esordio Universo Fantasia, dieci tracce inedite per piano solo interamente composte ed eseguite da Roberto, con

INTERVISTE

Intervista a Birthh, l’oscurità che diviene bellezza

Mi imbatto in Birthh durante UnAltroFestival lo scorso settembre, salvo poi ritrovare questa intensa creatura musicale durante le giornate del Linecheck Music Festival, quando capisco che sarebbe un oltraggio non

INTERVISTE

Brunori Sas: ‘Vi presento la mia società a scopo di lucro’

Brunori Sas è Dario Brunori, cantautore della provincia cosentina, classe 1977. Imprenditore mancato e neo-urlatore italiano, esordisce discograficamente nel 2003, con il collettivo virtuale Minuta, per cui firma tre brani