Idan Raichel al Blue Note in nome della pace

Idan Raichel al Blue Note in nome della pace

Mercoledì 9 Marzo, sul palco del Blue Note di Milano è tornato l’artista israeliano Idan Raichel, che ha dato prova del suo grande spessore artistico presentando il suo originale spettacolo che ha entusiasmato i più importanti palchi del mondo.

Solo lo scorso settembre, Idan si è esibito con la sua band The Idan Raichel Project insieme ad Ornella Vanoni, in occasione di Mi.To. Settembremusica (QUI il reportage fotografico), raccogliendo grande consenso dal pubblico meneghino. Questa volta, invece, torna da solista con uno spettacolo tutto nuovo, ma sempre incentrato sulla sua idea di musica come strumento di speranza e collaborazione e mezzo per abbattere le barriere persone di culture e religioni diverse.
E non è un caso che Idan venga da Tel Aviv, una terra segnata da anni di conflitti.

Nel ringraziare il Blue Note per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Sandro Niboli:

Previous Il ritorno dei Garbage con Stranger Little Birds, a giugno in Italia
Next A Maggio tornano i Lacuna Coil con Delirium: tutti i dettagli

Editor review

Summary

Mercoledì 9 Marzo, sul palco del Blue Note di Milano è tornato l'artista israeliano Idan Raichel, che ha presentato il suo nuovo spettacolo solista.

You might also like

REPORTAGE

Green Day e Rancid aprono l’edizione 2017 del Lucca Summer Festival

Erano almeno in 12.000 gli spettatori paganti che ieri sera sono accorsi a Lucca per l’evento inaugurale dell’edizione 2017 del Lucca Summer Festival. Un’edizione dai grandi nomi in cartellone, divenuta

GALLERY

Grande energia al Magnolia per i Pain Of Salvation

I Pain Of Salvation sono approdati ieri sera – 13 Dicembre – al Circolo Magnolia di Segrate (MI) per uno show infuocato, in cui hanno fatto sfoggio del loro vasto

GALLERY

Grande accoglienza a Roma per il Di20are Tour di Francesca Michielin

Il Di20are Tour di Francesca Michielin è approdato ieri sera all’Orion di Ciampino (Roma) con la seconda tranche di concerti, che – come li ha definiti la stessa cantante – hanno