I Built to Spill celebrano i vent’anni di Keep it like a Secret al Locomotiv di Bologna

I Built to Spill celebrano i vent’anni di Keep it like a Secret al Locomotiv di Bologna

I Built to Spill sono arrivati in Italia per ben tre date a Bologna, Roma e Milano per celebrare i 20 anni del loro capolavoro Keep it like a Secret con un live in cui suoneranno oltre all’album per intero anche brani del loro lungo repertorio.

I Built to Spill, creatura di Doug Martsch, sono una band seminale dell’indie rock americano, esplosa nelle classifiche di vendita USA nel 1999 con il bellissimo “Keep It Like a Secret”, secondo album su Warner e quarto LP della loro carriera musicale.

I Built To Spill sono da molti considerati insieme a nomi come Pavement e Dinosaur Jr, i veri detentori di un sound musicale che può essere definito indie rock di matrice americana e di un’estetica oramai nota: camice di flanella, chitarre distorte, ma anche quell’insaziabile voglia di riallacciarsi alla tradizione del country e del folk americano. ( Del resto proprio Martsch ha sempre citato tra le sue principali influenze Nel Young).

Tantissimi gli artisti che negli ultimi due decenni hanno dichiarato apertamente di essersi ispirati al genio e alla sensibilità musicale di Martsch, tra cui The Strokes, Deathcab for Cuties e Modest Mouse.

Tanti gli album che la band ha pubblicato dall’anno di formazione, nel 1992, tra cui vale la pensa ricordare oltre al già citato Keep it like a secret, il capolavoro Perfect from now on, You in Reverse, There is no Enemy e Untethered Moon.

Nel 2019 la formazione è totalmente cambiata con il solo  Doug Martsch accompagnato da due componenti degli Orua, band brasiliana che apre il concerto e un bassista nuovo.

Il post rock psichedelico con suoni tratti da audiocassette rende l’esibizione degli Orua molto interessante.

Dopo i giovani brasiliani è il compito degli elvetici DISCO DOOM.

Svizzeri di Zurigo, anche loro suonano un post rock classico alla Dinosaur Jr.

Il concerto dei Built to Spill è stato molto interessante, Doug Martsch è una garanzia anche se il fatto di essere ora mai da solo non permette allo show di esplodere in pieno.

Da notare la chicca di Harborcoat dei REM, un brano degli inizi della carriera della band di Michael Stipe che in pochi hanno riconosciuto.

Un concerto che far ripercorre la mente al passato sperando che questo concerto non serva soltanto al celebrare un disco, ma che sia il pretesto per far continuare la carriera dei Built to Spill.

SETLIST:

You Were Right

Time Trap

Broken Chairs

Center of the Universe

Sidewalk

Bad Light

Temporarily Blind

The Plan

Else

Carry the Zero

Encore:
So

Harborcoat
(R.E.M. cover)

I Would Hurt a Fly

Liar

In the Morning

Strange

Un ringraziamento particolare al Locomotiv club di Bologna per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani

BUILT TO SPILL

DISCO DOOM

ORUA

the front row,carlo vergani,crossoverboy,live report,live photo,live review,live music,live ,concert,photo from the pit

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi