Ad ottobre, il musical Green Day’s American Idiot in tour per l’Italia

Ad ottobre, il musical Green Day’s American Idiot in tour per l’Italia

Green Day’s American Idiot, la punk rock opera scritta da Billie Joe Armstrong con le musiche dei Green Day, prodotta in Italia con la regia di Marco Iacomelli, a ottobre 2017 inizierà la tournée nei principali teatri italiani.

Dopo il successo di critica delle 17 repliche, con un debutto nazionale sold out il 21 e 22 gennaio al Teatro Coccia di Novara e tre settimane di tenitura al Teatro della Luna di Assago fino al 12 febbraio scorso, Green Day’s American Idiot nel prossimo autunno sarà in tour, con i 21 giovanissimi interpreti e la band dal vivo di 4 musicisti.
Green Day’s American Idiot, una co-produzione STM – Scuola del Teatro Musicale, Fondazione Teatro Coccia e Reverse Agency, con il sostegno di Fondazione CRT, è un altro titolo rivoluzionario nel filone italiano del teatro musicale contemporaneo, accanto a Next To Normal, sempre diretto da Marco Iacomelli nel 2015.

Da ottobre 2017 Green Day’s American Idiot, il “racconto di formazione” che ritrae la nuova generazione di giovani americani nella periferia di una grande città, sarà ancora in scena per un tour che trasmetti l’energia vibrante del punk rock dei Green Day in tutta Italia.

Guarda gli scatti, per gentile concessione di  Luca Vantusso:

You might also like

NEWS

Kasabian: un concerto per celebrare la vittoria del Leicester

Lo sappiamo, i Kasabian amano il calcio e piĂą volte ce lo hanno ricordato. E anche per la sorprendente vittoria del Leicester, guidato dal Mister Claudio Ranieri, non hanno perso l’occasione

NEWS

Rufus Wainwright: domani sera al Regio di Parma

Rufus Wainwright,“il miglior cantautore del pianeta” – come lo ha definito Elton John – sarĂ  protagonista di un’unica data italiana al Teatro Regio di Parma ,venerdì 6 novembre nell’ambito della

NEWS

Per il nuovo film su James Bond, la produzione rivuole Adele

“Squadra che vince non si cambia“. E’ un leitmotiv che si sente spesso. Ed è proprio questo che probabilmente aveva in testa Barbara Broccoli, la produttrice dietro alla saga dei