Grant Lee Philips a Ferrara, tra folk e nostalgia degli anni 90′

Grant Lee Philips a Ferrara, tra folk e nostalgia degli anni 90′

Nella serata degli innamorati cosa c’è di meglio di un concerto folk rock?

Presso la Sala Estense di Ferrara, in questa sera consì speciale sono saliti sul palco due grandi artisti:  Grant Lee Phillips e Hayward Williams .

Il primo artista non ha di certo bisogno di presentazioni.
Nato nel 1963 a Stockton, in California, Grant Lee Phillips è entrato nella storia della musica rock Americana degli ultimi 25 anni grazie alla leadership della formazione Grant Lee Buffalo, con cui ha scritto pagine importanti e ha raggiunto un successo notevole.
La musica dei Grant Lee Buffalo ha influenzato gruppi come R.E.M., Pixies e Countin Crows, riuscendo ad andare in tour negli anni 90 con band storiche come i Pearl Jam, Smashing Pumpkins, Cranberries. Con la fine del secolo è iniziata la carriera solista di Grant Lee Phillips a causa dello scioglimento della band.
Le forti influenze dark e new Wave si mischiano perfettamente con il folk rock, creando una sonorità mai banale.

Hayward Williams invece è un giovane cantautore di Milwaukee che con le sue canzoni profonde in chiaro stile folk, si è già fatto già fatto conoscere in tutti gli Stati Uniti. Ad aprire la serata è proprio l’esile cantante venuto dalla città di Happy Days, che con la sua voce e la sua chitarra riesce ad attirare il pubblico verso di se in modo naturale.§
Con l’entrata in scena dell’amico  J. Hardin  le canzoni risultano più allegri e scanzonate, facendo si che la performance possa terminare con più allegria e spensieratezza.

Dopo un breve cambio di strumentazione sul palco ecco salire sul palco Grant Lee Phillips. L’animo rock dell’artista viene fuori ancora prima che inizi a cantare.
I brani come Fuzzy, Mighty Joe Moon, Mockingbirds e Jupiter & Teardrop dei Grant Lee Buffalo vengono reinterpretati in modo magistrale con Grant Lee Phillips che non sembra sentire gli anni passare, rendendo queste versioni acustiche incredibili.
Si presta a parlare con diversi spettatori e rimane piacevolmente colpito dal fatto che molti di loro lo seguano dal quel famoso 1993 anno di uscita del loro primo disco Fuzzy. Naturalmente c’è spazio non solo per i ricordi di quel decennio magico, ma anche per i brani della sua carriera da solista come Tennesse Rain,Smoke & Sparks, a Mona Lisa.

La performance del cantante californiano è durata circa un’ora e mezza dando alla fine l’ennesima prova della classe e professionalità che lo hanno contraddistinto per tutta la sua carriera.

Un ringraziamento particolare al Circolo Arci zone K di Ferrara per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani

Grant-Lee Phillips

Hayward Williams 

You might also like

GALLERY

Sting: 35 anni di grande musica in scena a Firenze

Dopo il successo del concerto di Roma, prosegue il mini tour italiano di Sting, con la data di ieri sera – 28 luglio 2016 -all’Ippodromo del Visarno, presso il Parco delle

GALLERY

La chitarra di Christopher Cross incanta il Blue Note

5 Grammy Awards, un Premio Oscar, un Golden Globe e 20 milioni di copie vendute: sono questi i numeri di Christopher Cross. L’artista, che mescola genialmente rock, soul e blues,

REPORTAGE

Il Teatro San Domenico si veste di Blues con Fabio Treves Blues Band

Una serata speciale per festeggiare oltre 40 di musica Blues e a calcare il palco del prestigioso Teatro San Domenico di Crema ieri sera c’era proprio lui Fabio Treves (soprannominato