Francesca Michielin: un talento che deve ancora maturare

Francesca Michielin: un talento che deve ancora maturare

La carriera dei vincitori dei talent show segue regole quasi sempre costanti Appena si spengono i riflettori della finale inizia una breve stagione di grande mediaticità, che solitamente dura fino all’estate successiva al programma, quando iniziano le selezioni per la nuova edizione.

A queste regole non si è mai sottratto nessuno, ma in pochi sono riusciti a “sopravvivere” alla nuova ondata di talenti che l’industria discografica sforna grazie a questo format televisivo.

Prendiamo per esempio X Factor, che quest’anno è giunto alla 10ª edizione. Chi si ricorda degli Aram Quartet (vincitori nella prima edizione), di Matteo Beccucci (2ª), di Nathalie (4ª), Michele Bravi (8ª) e Gio Sada, trionfatore di 10 mesi fa?

In compenso ci sono le eccezioni e tra queste mettiamo Marco Mengoni, che è passato dalla celebrità all’oblio, prima di ritornare ai vertici dopo la vittoria di Sanremo e rimanerci ormai in pianta stabile.

Poi ci sono Chiara Galliazzo e Lorenzo Fragola, anch’essi sempre alla ricerca della consacrazione definitiva e per finire Francesca Michielin.

La sua vittoria risale al gennaio 2012 e in questo lasso di tempo ha sempre navigato quasi in sordina. Un silenzio interrotto da qualche successo radiofonico, dalla sua partecipazione a Sanremo e all’Eurovision Song Contest.

Secondo i bene informati, la giovane artista veneta è al centro dei progetti discografici della Sony, ma almeno stando a quello che abbiamo visto all’Hiroshima Mon Amour di Torino, ancora stenta ad appassionare il pubblico.

Per il concerto di sabato 15 erano in 300 o poco più gli spettatori: un numero forse un po’ deludente per chi ha avuto una grande visibilità, anche a livello internazionale.

Anche il suo concerto ci ha confermato che probabilmente il palco è ancora un po’ troppo grande per lei, che appare timida e un po’ impacciata.

Siamo d’accordo, i suoi brani non hanno ritmi danzerecci e nemmeno sonorità rock, ma noi abbiamo avvertito una certa mancanza di calore, quella che dovrebbe catalizzare l’amore dei fan.

Dalla sua parte c’è il fatto che è giovane e avrà tempo per maturare, ma non voletecene, se almeno per ora, classifichiamo Francesca come artista da sala di incisione, con buone potenzialità, ancora tutte da far emergere.

Ringraziamo Glenda Gamba e Hiroshima Mon Amour per l’invito

Foto e testo di Vincenzo Nicolello

Previous Bruno Mars: al Saturday Night Live la performance su 24K Magic e Chunky
Next Phil Collins: la reunion dei Genesis? Perchè no

You might also like

REPORTAGE

Lo swing degli Scott Bradley’s Postmodern Jukebox all’Alcatraz

All’Alcatraz di Milano sono approdati, per la loro unica data italiana, la rivelazione dello swing Made in USA Scott Bradlee’s Postmodern Jukebox. Il trio si è fatto conoscere grazie alla cover

GALLERY

Hard Rock protagonista al Pistoia Blues con Whitesnake e Hardcore Superstar

Dopo aver inaugurato la tranche italiana del loro tour da Villafranca di Verona (QUI il reportage), i Whitesnake di David Coverdale sono approdati ieri sera al Pistoia Blues, per il

GALLERY

Il Prima Di Parlare Tour di Nek approda a Bologna

Il Prima di Parlare Tour di Nek sbarca al Teatro Manzoni di Bologna, dopo l’ottima accoglienza ricevuta nelle prime due date di Mantova e Mestre. L’artista di Sassuolo può certamente dirsi soddisfatto