La Fine del Mondo al Labirinto della Masone con i Sunn O)))

La Fine del Mondo al Labirinto della Masone con i Sunn O)))

Se vogliamo gustare la Fine del mondo, non ci resta che prefigurarla.

È quanto avverrà al Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci il prossimo 9 settembre. Il Labirinto più grande del mondo, sarà la cornice eccezionale di questo evento che, spettacolare e apocalittico insieme, cade a trent’anni dalla morte di Jorge Luis Borges. La sua ultima opera edita da Franco Maria Ricci, il celebre e introvabile volume Finimondi, illustrato con i dipinti di John Martin, prenderà vita nella sorprendente performance visual a cura dello studio N!03. Ci saranno apparizioni, gridi nel Labirinto, irruzioni di maschere, il celebre gruppo statunitense dei Sunn O))), con le sue atmosfere dense e distorte, provvederà alla parte musicale, perché la Fine sarà anche un Concerto.

“Nel catalogo dei miei volumi – spiega l’editore – quello della Fine è un tema che ritorna: basti pensare all’Apocalisse xilografica estense, a quella spagnola del Beato di Lièbana, commentata da Umberto Eco, oltre al volume Finimondi di Jorge Luis Borges. La serata attingerà a quelle impressionanti anticipazioni, e a tutta una serie di catastrofi famose (Sodoma e Gomorra, Pompei, l’incendio di Lione, il terremoto di Lisbona…)”.

Il Labirinto più grande del mondo nasce a Fontanellato da un’idea di Franco Maria Ricci – editore, designer, collezionista d’arte, bibliofilo – e da una promessa da lui fatta nel 1977 allo scrittore argentino Jorge Luis Borges, affascinato da sempre dal simbolo del labirinto sia in chiave esoterica che come metafora della condizione umana. Ci sono labirinti con Minotauri. E giardini colmi di delizie. Eden in cui è bello vagare, labirinti mentali dove perdersi e poi ritrovarsi. Quello di Ricci, esteta di gusto eccelso e da sempre amante del bello, è un dedalo elegante e seducente. Un luogo di cultura, disteso su otto ettari di terreno, da lui progettato con gli architetti Pier Carlo Bontempi, che ha eseguito i sorprendenti edifici, e Davide Dutto che ha progettato la geometria del parco.

I Sunn O))) sono un gruppo statunitense formato nel 1998 fondato Stephen O’Malley (chitarra, basso e voce), Greg Anderson (chitarra, tastiere e programming). La band drone doom metal si caratterizza per una presenza scenica enigmatica e per l’uso di ritmi lenti e suoni estremamente potenti, volti a creare un’atmosfera monolitica e quasi tangibile. Questa impostazione li ha portati a dialogare con l’arte contemporanea, come testimoniano il rapporto con artisti quali Richard Serra e Nico Vascellari o la partecipazione a eventi internazionali come Ruhrtriennale.

N!03 [ennezerotre] è uno studio di produzione video e multimediale nato nel 2003 dall’unione di diverse competenze nell’ambito della ricerca visiva e sonora (tra i fondatori, Fanny Molteni, Cinzia Rizzo, Franco Rolle). Si propone come laboratorio di ricerca sull’immagine con particolare attenzione alla progettazione di ambienti video interattivi e immersivi. Molta cura è dedicata alla creazione di ambienti e scenari video, interattivi e non, che abbiano un forte potere evocativo, in cui immagini, suoni e rumori seducano l’attenzione e la partecipazione dello spettatore.

Tutti i dettagli:
Labirinto della Masone
Strada Masone 121 – Fontanellato, Parma
Orario: 22.30
Costo: 32 euro + diritti di prevendita
Info: www.labirintodifrancomariaricci.it

 

You might also like

EVENTI

Sono i Rammstein e i Kiss gli headliner del Gods Of Metal 2016!

Dalla pagina facebook del Gods Of Metal: “Rammstein e KISS i due headliner del Gods Of Metal 2016! Sono due band che decisamente promettono fuoco e fiamme, per il ritorno

NEWS

Beat e solidarietà a Torino

Martedi 29 novembre alle ore 21 al Palazzetto dello Sport in Viale Leonardo Bistolfi 10 a Torino si svolgerà la serata finale di Torino Beat 2016, evento unico che vedrà

EVENTI

Pistoia Blues Festival 2015: il programma completo

E’ stata presentata a Firenze la 36esima edizione del Pistoia Blues Festival, che è senza dubbio la più ricca della sua storia, grazie alla presenza di grandi nomi del panorama