E’ festa grande al Lucca Summer Festival con Fedez e J-Ax

E’ festa grande al Lucca Summer Festival con Fedez e J-Ax

Per la prima volta, nella cornice del Lucca Summer Festival, approdano J-Ax e Fedez per presentare l’ultimo progetto discografico in coppia, l’album Comunisti Col Rolex, uscito lo scorso gennaio.

Anche questo concerto fa parte della tournèè iniziata questa primavera dall’ex Articolo 31 con il collega, e che li porterà in giro per l’Italia fino a settembre, collezionando sold out su sold out.
Di fronte ad un pubblico di giovanissimi, i due rapper hanno proposto il loro variegato show, tra tormentoni estivi, battute, luci e tante urla. Al centro della scaletta ovviamente ci sono i brani del disco Comunisti Col Rolex, molto apprezzati dai fan, ma anche alcune hit della carriera solista di entrambi.

Questi i prossimi appuntamenti live:
31 luglio Taormina (Me), Teatro Antico
4 agosto Rimini, Fiera Park Rock
6 agosto Chieti, Arena Civitella
9 agosto Gallipoli (Le), Postepay Sound Parco Gondar
3 settembre Servigliano, Parco della Pace

Nel ringraziare la D’Alessandro e Galli per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Ivan Elmi:

Previous Il Gypsy Punk dei Gogol Bordello travolge il Flowers Festival
Next Il ritorno dei Nine Inch Nails con Less Than, in attesa di Add Violence

You might also like

EVENTI

Anderson, Rabin e Wakeman: gli Yes tornano ad emozionare a Schio

Parlare di Yes forse può apparire improprio, ma come potremmo battezzare diversamente il progetto ARW? In fondo Jon Anderson, Trevor Rabin e Rick Wakeman sono rispettivamente il fondatore, il rinnovatore pop e l’esponente

REPORTAGE

Airbourne, il ritorno a Milano dei fratelli O’Keeffe

Gli Airbourne dei fratelli O’Keeffe scelgono la giornata giusta per alzare il termometro alle stelle all’interno del Live Club di Trezzo. A nove anni dall’uscita del fortunatissimo Running Wild, gli

GALLERY

Thegiornalisti: anche a Torino Completamente Sold Out

Motta, Cosmo, I Cani, Calcutta, Thegiornalisti sono accomunati da un’unica sottile linea rossa: il nuovo che avanza. Già perché sembrano lontanissimi gli anni in cui la musica indipendente sfornava cantautori