Il Bop del terzo millennio di Fabrizio Bosso al Blue Note di Milano

Il Bop del terzo millennio di Fabrizio Bosso al Blue Note di Milano

Domenica sera il Blue Note di Milano ha ospitato l’eclettico trombettista Fabrizio Bosso, accompagnato da un terzetto di musicisti di tutto rispetto: Julian Oliver Mazzariello, uno dei migliori pianisti italiani delle ultime generazioni, il giovanissimo contrabbassista salentino Luca Alemanno e il batterista Nicola Angelucci.

Uno spettacolo caratterizzato da attacchi micidiali, senso dello swing proverbiale ed eloquio torrenziale. Ma Fabrizio Bosso dispone anche di altre frecce e lo sta dimostrando negli ultimi anni, dopo i folgoranti esordi: la voglia di sbalordire ha infatti lasciato il posto a un equilibrato mix di virtuosismo e poesia.
Con il suo quartetto Bosso porta a sintesi compiuta le tante esperienze compiute sino ad oggi: l’amore per il Bop è sempre presente, ma filtrato da un sensibilità e da un gusto personali.

Nel ringraziare il Blue Note di Milano per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Sandro Niboli:

About author

Editor review

Summary

Domenica sera il Blue Note di Milano ha ospitato l'eclettico trombettista Fabrizio Bosso, accompagnato da un terzetto di musicisti di tutto rispetto.

You might also like

RECENSIONI

Ezio Bosso illumina il Teatro Toniolo di Mestre

Ezio Bosso…semplicemente un uomo ed il suo pianoforte ‘Voglio fare una comunicazione di servizio, vedo molta gente con i telefonini, smartphone e iPad vari (all’improvviso tutti i display si spengono),

REPORTAGE

Il viaggio di Massimo Ranieri torna nei teatri: la prima a Milano

E’ approdato ieri sera al Teatro Nuovo di Milano per la prima di tre imperdibili date, Massimo Ranieri che prosegue il suo viaggio con la sua voce straordinaria e il suo

GALLERY

La promessa del pop Halsey presenta il nuovo album a Milano

E’ finalmente approdata in Italia la nuova promessa del pop mondiale Halsey, reduce da un sold out al Fabrique di Milano dello scorso anno. Stavolta la location è quella dell’Alcatraz,