Grande performance acustica di Dave Matthews & Tim Reynolds a Milano

Grande performance acustica di Dave Matthews & Tim Reynolds a Milano

Dopo le ottime performance di Torino e Padova, Dave Matthews & Tim Reynolds sono approdati ieri sera al Teatro degli Arcimboldi di Milano per la tappa conclusiva di questa tranche italiana del loro tour europeo.

Questa volta, Dave Matthews ha lasciato in vacanza i suoi compagni della Dave Matthews Band, portando con sè solo il chitarrista Tim Reynolds per una performance acustica speciale a due, in cui tutte le canzoni sono state spogliate, portando in luce l’essenza dei testi e la potenza delle melodie. Nonostante Reynolds non faccia ufficialmente parte della formazione della Dave Matthews Band, è chiaro a tutti che tra lui ed il frontman vi è una forte alchimia e che è ingiusto considerarlo un semplice turnista.

Il concerto si apre con Crush, uno dei pezzi più rappresentativi della band, l’avvio di un viaggio musicale attraverso la lunga e ricca carriera. E così i due sciorinano brani più conosciuti – Bartender, Don’t Drink The Water, Two Step e Satellitee brani meno noti, ma che ugualmente hanno saputo entusiasmare il pubblico accorso in massa nel capoluogo lombardo.

Nel ringraziare la D’Alessandro e Galli per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Romano Nunziato:

You might also like

GALLERY

Simple Minds e KT Tunstall alla conquista del teatro Colosseo

Torino, 21 aprile 2017 ore 20,30, in un Teatro Colosseo ancora abbastanza vuoto, entra a sorpresa sul palco il leader dei Simple Minds Jim Kerr. Il cantante scozzese esordisce parlando

GALLERY

Caparezza inaugura il Museica Tour II The Exhibition da Parabiago – Le Foto

Caparezza torna a calcare i palchi anche quest’estate ed inaugura la nuova tournee – denominata Museica Tour II The Exhibition – al Rugby Sound Festival di Parabiago. Ieri sera, infatti, si è

GALLERY

Bastava poco per rimanere vivi: Astro festival 2017

L’anno scorso eravamo tra i mosaici di Ferrara, floating points che fa ballare e Caribou che colora la notte. Dietro il mix, l’imprevedibilità di Four Tet e la scheggia impazzita