E’ la reggae night dell’estate: Alborosie e Damian Marley al Carroponte

E’ la reggae night dell’estate: Alborosie e Damian Marley al Carroponte

Era il 27 giugno del 1980, quando l’indimenticato Bob Marley infuocava San Siro e tutta Milano, in un epico concerto che rimase nella storia e nei cuori dei fortunati presenti. 36 anni dopo, ecco nella città meneghina Damian Marley, figlio del grande Bob e conosciuto anche come Junior Gong, in onore alle conoscenze delle arti marziali del padre. Il pubblico, manco a dirlo, è quello delle grandi occasioni, per stringersi intorno alle note di una musica reggae che grazie al Carroponte ritrova spazio e spessore all’interno del cartellone musicale estivo, per uscire dalle feste improvvisate e dall’anonimato ostile ai grandi numeri sotto al palco.

A supporto di Damian, è arrivato Alborosie, seguito per l’occasione dalla Schengen club band. Il musicista siculo, nativo di Marsala ma trapiantato in Giamaica, non è per niente intimidito dal rumore del cognome Marley e piazza un live energico e coreografico, molto apprezzato dai più giovani, ma anche da chi si ricorda i fasti dei Reggae National Tickets, da lui fondati. Musica infettata dal virus del divertimento e vibrazioni che sanno di hip pop vecchia scuola e viaggi in barca attraverso l’Oceano, per un artista aperto a contaminazioni tra generi sotto la bandiera nero verde del reggae.

Un boato segue poi l’ingresso di Damian, accompagnato dalla sua personal band al completo e dalla gigantografia di Haile Selaissie, negus etiope ostile alla colonizzazione, considerato il messia della nuova religione rastafariana. La prima parte dello show è tutta per il sound eclettico e danzereccio del figlio di Bob, tra le cui note spiccano brani quali Make It Bun Dem (nato dalla collaborazione col DJ Skrillex nel 2012) e Road To Zion, visionario viaggio verso la terra promessa in cui il senso comunitario della musica reggae viene fuori, sotto e anche sopra al palco.
Molto spazio ai brani tratti dal disco Distant Relatives, con performance dinamiche che si snodano tra i testi impegnati di Land of Promise e Dispear. Molto apprezzato è poi il dialetto patwah (ceppo giamaicano) esibito in Liquor Store Blues, pezzo che è stato prodotto con Bruno Mars e che ha rilanciato il nostro Damian verso classifiche musicali e passaggi radio. Nella seconda frazione del concerto, ecco poi le canzoni di Bob, attese da una platea mai sazia e sempre pronta a connettersi con le radici del fenomeno reggae. Seguono quindi War, No more trouble e Exodus, arrangiata da Damian con la sapiente maestria di chi, confrontandosi con la storia, sa rielaborare con rispetto e tradizione. Il finale è per la danza collettiva di Could you be loved, anch’essa resa più veloce in un tripudio di colori e abbracci collettivi, per ricordarsi tutti insieme che le leggende, quelle vere, non muoiono mai.

Si ringrazia Shining Production e Carroponte per l’invito.

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Il Revolution Radio Tour dei Green Day in Italia per 4 date
Next Dal 24 Settembre a Crema in scena La Musica Per I Tuoi Occhi

You might also like

REPORTAGE

Iron Maiden in diretta da Trieste

Una giornata favolosa la data degli Iron Maiden a Trieste il 26 luglio. Fin dalle prime ore del mattino si vedono fan seduti davanti ai 2 ingressi della Piazza Unità d’Italia. Alle

GALLERY

Bluvertigo sul palco del Fabrique per Onstage Xmas Party

Ieri sera, 19 dicembre 2015, si è svolta la festa Onstage Xmas Party al Fabrique di Milano, durante la quale si è tenuto l’esclusivo concerto dei Bluvertigo. L’evento, organizzato e promosso da Onstage

GALLERY

Musica e Poesia con Niccolò Fabi al Teatro Creberg di Bergamo

Continua con grande successo nei teatri di tutta Italia il tour teatrale di “Una somma di piccole cose” (Universal Music). Ieri sera, Una somma di Piccole Cose Tour, ha fatto