Corrado Rustici al Teatro Palamostre di Udine per una serata indimenticabile

Corrado Rustici al Teatro Palamostre di Udine per una serata indimenticabile

Ieri sera un uomo e la sua chitarra hanno affascinano Udine.

Sono passati dieci anni dal suo ultimo lavoro in studio Deconstruction of a Post Modern Musician e Corrado Rustici chitarrista napoletano ma americano d’adozione, è in tour in Italia per presentare il suo ultimo lavoro AHAM (Io sono, in sanscrito). Anche se conosciuto dal grande pubblico principalmente come produttore e chitarrista prima di tutto di Zucchero, ma anche di Elisa, Negramaro, Francesco Renga. Corrado Rustici ha un passato come chitarrista in varie formazioni. La più nota per gli estimatori del genere, è quella dei Nova (1974) con la quale incise 4 album

Ieri sera il mini tour, primo Italiano della sua carriera, ha fatto tappa a Udine, al Teatro Comunale Palamostre. Accolto da un nutrito numero di estimatori del genere, ma anche da veri e propri fan storici dell’artista, Rustici ha letteralmente affascinato il pubblico accorso per l’occasione che, anche se non numerosissimo, ha fatto sentire tutto il suo calore e affetto nei confronti dell’artista del quale si conoscono per lo più le sue innumerevoli collaborazioni. La chitarra è il suo strumento, il suo modo di comunicare e lo si percepisce per l’intera durata del concerto. Il genere definito dallo stesso Rustici è Transmoder Music, e racchiude al suo interno un po’ tutti i generi che lo hanno influenzato nel corso degli anni portandolo a creare un vero e propri sound inconfondibile che lo contraddistingue anche in tutte le sue produzioni.

I musicisti che lo accompagnano in tour non sono certo due emeriti sconosciuti. Alla batteria c’è MelGaynor, storico batterista dei Simple Minds, alle tastiere invece c’è Peter Vettese già con i JethroTull, ma anche con Carly Simon e Clannad. Ma le collaborazioni per entrambi sono innumerevoli.

L’entusiasmo dei fan viene ricompensato a fine concerto dallo stesso Rustici che si è offerto per per autografare le copie del suo cd, concedendosi anche per alcune chiacchiere.

Ad aprire il concerto una vera e propria sorpresa. Frano Zivkovic di appena 12 anni, allievo di Tommy Emmanuel, che con la sua chitarra acustica a lasciato senza parole il pubblico. Sicuramente ne sentiremo ancora parlare.

Un ringraziamento all’Ufficio Stampa Euritmica/Note Nuove per il graditissimo invito e al Teatro Comunale Palamostre di Udine per l’accoglienza

Foto e Testo a cura di Diego Feltrin

Corrado Rustici:

Frano Zivkovic:

Previous Joey Jordison a Milano con i Vimic
Next Lo show psichedelico al Fabrique dei Crystal Castles

You might also like

GALLERY

Le stelle di Ferrara sono i 2Cellos – Le Foto

Non era proprio Sotto Le Stelle, la serata di ieri a Ferrara, che è stata sommersa da un acquazzone verso l’ora di cena. Ma le stelle c’erano davvero, sul palco

GALLERY

Edoardo Bennato e il suo Hard Rock stupiscono il Nuvolari

Gran successo, ieri 11 luglio, al festival Nuvolari di Cuneo, per il concerto di Edoardo Bennato. L’artista sessantottenne accompagnato da una band strepitosa (Giuseppe Scarpato e Gennaro Porcelli alle Chitarre,

REPORTAGE

L’inusuale duo di Hiromi e Edmar Castaneda conquista il Blue Note

Ieri sera, 7 Ottobre 2017, il Blue Note di Milano ha ospitato l’eclettica performance della pianista giapponese Hiromi che, questa volta, si presenta in compagnia dell’arpista colombiano Edmar Castaneda. Un