Serata stilosa all’Arcimboldi di Milano con Mr Bryan Ferry

Serata stilosa all’Arcimboldi di Milano con Mr Bryan Ferry

Grande serata ieri al Teatro degli Arcimboldi di Milano, caratterizzata dall’inconfondibile stile e dalla classe di un grandissimo performer inglese, Bryan Ferry.

Per la gioia del pubblico è tornato in tour in Europa con una straordinaria scaletta che include i grandi successi dei Roxy Music, pezzi del suo repertorio da solista e nuovi brani dal suo album Avonmore, acclamato dalla critica. Per chi è cultore dei suoi pezzi classici… è fantastico potersi abbandonare all’ascolto di Slave to Love, Don’t Stop the Dance oppure Is Your Love Strong Enough?

Dopo la data italiana di Milano seguiranno tappe in Germania Polonia, Austria e Danimarca. Queste nuove date arrivano a seguito dei suoi tour del 2016 che hanno ricevuto entusiastiche recensioni

In apertura serata altro momento di grande classe con la cantautrice gallese Judith Owen, considerata da molti addetti ai lavori l’erede di Joni Mitchell. Con lei, sul palco, il bassista Harry Shearer

Intensa ed eclettica nel suo stile compositivo e pianistico, ama fondere i più diversi generi musicali per crearne uno tutto suo, complesso e sfaccettato.

Nel ringraziare D’Alessandro & Galli e Show Bees per il graditissimo invito, vi lasciamo ad una selezione scatti a cura di Sandro Niboli:

Bryan Ferry

Judith Owen

You might also like

REPORTAGE

I Wolfmother tornano in Italia sul palco di FestaReggio 2016

Sono passati pochi mesi da quando la band australiana dei Wolfmother passò dall’Alcatraz di Milano (vedi recensione e foto qui su the front row) per presentare il loro ultimo disco

CONCERTI

Afterhours all’Eurobaita al Lago di Castelfranco TV

Voce stupefacente e potente, quasi ombrosa che riecheggia presso la Baita al Lago. È lui Manuel Agnelli col suo gruppo gli Afterhours. Reduce da X factor che lo abbiamo visto

REPORTAGE

Thegiornalisti: anche a Torino Completamente Sold Out

Motta, Cosmo, I Cani, Calcutta, Thegiornalisti sono accomunati da un’unica sottile linea rossa: il nuovo che avanza. Già perché sembrano lontanissimi gli anni in cui la musica indipendente sfornava cantautori