Bono: gli attacchi di Parigi sono diretti alla musica

bono-u2

Bono: gli attacchi di Parigi sono diretti alla musica

Il frontman degli U2, Bono, in una recente intervista radiofonica ha parlato degli attacchi di Parigi di venerdì come “i primi diretti alla musica”.

“Se ci pensate,” – ha detto il cantante irlandese da sempre molto attivo sul fronte sociale – “la maggioranza delle vittime della scorsa notte sono fan della musica. E’ il primo attacco diretto alla musica che abbiamo avuto durante questa Guerra del Terrore. Ed è sconvolgente. Questa è la nostra gente… l’effetto a freddo di questo massacro è profondamente disturbante ed è quello che non riesco a farmi uscire di mente”.

Queste le parole pronunciate dall’artista all’emittente irlandese RTÉ, dopo la decisione di cancellare lo show parigino degli U2 proprio nella capitale francese che avrebbe dovuto svolgersi nel week-end, un giorno dopo la strage a Le Bataclan, dove si stava tenendo il concerto degli Eagles Of Death Metal, con 1.500 spettatori paganti, 87 dei quali hanno trovato la morte. Ma gli U2 non si lasceranno spaventare, il concerto è solo rimandato, per una questione prettamente di sicurezza:

“Penso che la musica è molto importante e che gli U2 hanno il compito di suonare. Non vedo l’ora di tornare a Parigi e suonare. Ed è lo stesso feedback che abbiamo ricevuto dai fans, non vogliono che questi fatti sconvolgando la nostra agenda. Non devono organizzare le nostre vite”.

Questo l’audio dell’intervista integrale:



#Follow us on Instagram