La poesia rock di Bob Mould riscalda la piovosa Milano

La poesia rock di Bob Mould riscalda la piovosa Milano

Ieri sera ai Magazzini Generali di Milano è approdato, per la prima delle due date in programma su suolo italiano (la seconda sarà questa sera all’Estragon di Bologna), Bob Mould, ex cantante e chitarrista della band Husker Du.

L’occasione è quella di presentare al pubblico italiano il nuovo album solista Patch The Sky, uscito a marzo di quest’anno ed anticipato dal singolo Hold On. Il disco è una rara perla di rock alternativo, duro e sincero come pochi in circolazione. Del resto, Mould si è sempre distinto per il suo particolare ed innovativo stile oltre che per la profondità poetica dei suoi testi, affermandosi come un punto di riferimento per il rock moderno, in tutte le sue sfaccettature.

In questa occasione live, l’artista ha ripercorso dal vivo la sua carriera 30ennale, focalizzando particolare attenzione ai brani tratti dal suo ultimo disco, ma non tralasciando al contempo tutti i suoi maggiori successi.

Nel ringraziare Vertigo per l’invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Romano Nunziato:

Previous Nuovo singolo per Daniele Silvestri: oggi in radio La Guerra del Sale
Next Roma rimane incantata da Alessandra Amoroso

You might also like

REPORTAGE

Ezio Bosso e il suo enorme coraggio emozionano Pollenzo

Sold out sfiorato ieri (1 settembre) a Pollenzo (Cuneo) per il concerto del pianista Ezio Bosso in occasione del Attraverso Festival. Ezio Bosso, musicista, compositore e direttore d’orchestra, ha portato

REPORTAGE

Grazie al suo talento Vasco Brondi accende le luci della sua città

Scrittore e cantautore di Ferrara, Vasco Brondi descrive la realtà contemporanea con cruda sagacia e insospettabile luminosità, ricorrendo a liriche dirette e taglienti, accompagnate dall’inseparabile chitarra acustica. L’ultimo lavoro, Terra, è

GALLERY

Slick Steve & The Gangsters: il Rock ‘n’ Roll Circus approda a Padova

Circoscrivere Slick Steve & The Gangsters al rock ‘n’ roll è forse un po’ limitativo, però in sostanza è di questo che si parla e nulla di più. Stephen Hogan,