Tre sere di sold out al Blue Note per Billy Cobham

Tre sere di sold out al Blue Note per Billy Cobham

Riconosciuto come il più importante batterista jazz-fusion per la sua potenza e tecnica percussiva, Billy Cobham ha raggiunto l’apice della fama a metà degli anni Settanta divenendo uno dei batteristi più acclamati nell’ambito jazz, fusion e rock.

La sua precisione, il suo essere ambidestro e la sua grinta contraddistinguono la monumentale lista di successi. Oltre che musicista, ha una storia come compositore e produttore di dischi. Ha suonato in centinaia di dischi con gruppi suoi e molte delle leggende della musica. Il suo segno distintivo – il più veloce, il più potente e il più esplosivo “drumming” – ha energizzato i palchi internazionali di concerti, orchestre sinfoniche, big bands, Broadway, festivals, televisione e video. La sua influenza stilistica ha letteralmente creato una categoria di musica, ormai parte della storia della musica moderna.
Originario di Panama, il musicista ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama mondiale, affermandosi a partire dagli anni Settanta con le sue percussioni potenti e tecnicamente centrate e infondendo forza e creatività alle sezioni ritmiche dei numerosi brani che ha contribuito a rendere indimenticabili. Dopo aver superato la soglia dei settant’anni, William Emanuel “Billy” Cobham ha deciso di festeggiare se stesso e la sua arte portando nuovamente in tour Spectrum, il suo debutto da solista che nel ‘74 lo rivelò al pubblico e che, tra contaminazioni musicali di tutti i generi, ha rappresentato una chiave di volta del jazz-fusion. 

Ad accompagnarlo sul palco Dean Brown (chitarra), Gerry Etkins (tastiere) e Ric Fierabracci (basso), per un set dalle atmosfere ammalianti e dal ritmo travolgente, e da un suono internazionale. 

Billy Cobham ha da poco superato il traguardo dei 70 anni, con la creatività, l’energia e l’esuberanza di sempre e con diversi progetti visionari all’orizzonte, festeggiando il  40 ° anniversario dall’uscita di Spectrum, il suo album di debutto da solista e album svolta nell’universo  jazz-fusion,  con un tour che ha già attraversato gli Stati Uniti, il Canada ed Europa, insieme alla Spectrum Band.

Si ringrazia il Blue Note di Milano

Selezione foto a cura di Sandro Niboli

 

Previous Sanremo 2017: Carlo e Maria amarsi e dirsi addio
Next Adele e Beyoncè regine dei Grammy Awards 2017

You might also like

GALLERY

Antonello Venditti: serata indimenticabile al Festival Contro

Il mondo della musica è strano. C’è chi raggiunto il successo grazie ad un certo tipo di repertorio decide di rinnegarlo, chi invece sceglie di cavalcarlo. Poi c’è Antonello Venditti  che

GALLERY

Un Blue Note sold out accoglie Bettye LaVette

E’ approdata ieri sera al Blue Note di Milano l’artista di culto Bettye LaVette, per un’occasione davvero unica che ha visto il celebre locale milanese registrare il sold out. Questa

GALLERY

Il Cinzia Roncelli Quintet feat. Max Ionata incanta il Crema Jazz Art Festival

Dopo la magica esibizione del duo composto da Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura (QUI il reportage), che hanno ufficialmente inaugurato la seconda edizione del Crema Jazz Art Festival, nel