Biffy Clyro dal vivo al Fabrique: Milano, per una sera, è come Glasgow

Biffy Clyro dal vivo al Fabrique: Milano, per una sera, è come Glasgow

Amazing performance e vade retro inutili critiche post chiamata Sanremo. Una lapidaria considerazione mi attanaglia al termine della performance dei Biffy Clyro al Fabrique. Solidità musicale scozzese e passione italiana, condita da molta attesa e pubblico chiaramente numeroso. Fondati nel lontanissimo 1995, prima erano gli Screwfish, gli scozzesi non fanno un passo indietro in termini di attitudine e forza espressiva, predicando nel live la loro esposizione sempre devota ad un rock complesso e ben suonato, ma sempre influenzato dalla prateria isolata delle lande dove loro registrano e trovano ispirazione.

Alternative rock, ma anche riff di crudezza e specialità caotiche che sono figlie del  loro ultimo album. Ellipsis, infatti, è il disco che ha la meglio e attrae maggiormente pezzi nel live meneghino, condito da un atmosfera a tratti hype a causa dei classici e fastidiosi smartphone immolati al cielo verso la sacralità rock in kilt e verve proveniente direttamente da Glasgow.

Un live show lungo e armonioso di 25 canzoni e rilevanti armonie che animano la platea, spinte da un trio che non si risparmia affatto. La longevità è la loro forza, costruita sin da subito su Wolves of winter, canzone energia che da inizio allo show con quel fuoco e quella melodia che non arranca neanche quando Neil si spoglia e rimane in preda ai suoi tatuaggi. Gli fa eco la violenza di In the name of Wee man, strano connubio tra hard rock e Kyuss meno stoner.

La poesia si materializza quando Re-Arrange arriva a scaldare cuori e abbracci, lanciando messaggi sicuramente più pop e meno acidi. La trasversalità dei Biffy Clyro è poi compiuta sulle note di Howl, amarcord song a con coro all’americana e i Foo fighters che echeggiano nell’aria. Qualche accenno di acustico non guasta ed ecco Medicine, in cui Neil si ricompone e trova maggiore empatia con le coppie intervenute e il loro credo negli scozzesi.

Il salto nel passato (2009) è comunque dietro l’angolo, con i brani di Only Revolutions che riportano in vigore un sound meno eclettico e con venature college rock, come in Bubbles, manifesto di epoca Biffy che già intonava talento e batteria all’unisono. Si chiude, dopo AnImal Style, con il sudore e la passione di Stingin’ Belle, giusto commiato ad una serata che dà l’arrivederci ad una band che attendiamo anche sulla prima rete, e chissà forse con un nuovo effetto Placebo.

Grazie a Vivo Concerti per l’invito

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Per l'edizione 2017 RadioItaliaLive raddoppia: concerto a Milano e Palermo
Next Maledetta Dopamina, furia strumentale al vostro servizio

You might also like

REPORTAGE

Lo spettacolo atomico dei Mogwai tiene incollato alla sedie il pubblico presente al loro show

Atomic sono dieci brani, risultato di una sapiente rielaborazione del materiale utilizzato per confezionare la colonna sonora, interamente curata dalla band, del documentario prodotto da BBC Four Atomic – Living

CONCERTI

It’s only rock and roll but I like it: i Giuda infiammano il Carroponte

Chi lo ha detto che nel bel paese il rock and roll è morto? Una domanda banale a cui rispondono le note e i cori dei Giuda, rock and roll

RECENSIONI

Uochi Toki Vr set, alla conquista dell’algoritmo umano al Circolo Ohibò

Uochi Toki è sinonimo di garanzia nell’underground italiano. Un duo esoterico e istrionico che strappa spesso approvazione tanto tra gli ammiratori dell’hip hop, quanto tra chi si crogiola tra le