Beth Ditto racconta Fake Sugar, primo disco solista in arrivo a giugno

Beth Ditto racconta Fake Sugar, primo disco solista in arrivo a giugno

Dopo 17 anni di successi con i Gossip, Beth Ditto fa il suo debutto solista con Fake Sugar, il suo album in uscita il 16 giugno. Ad anticiparlo è il primo singolo Fire, in radio dalla scorsa settimana. Il disco è già disponibile per il preorder e chi lo comprerà riceverà subito il singolo.

Beth Ditto, che sarà protagonista di una serie concerti già sold out a Berlino, Parigi e Londra questo aprile, ha collaborato per questo disco con Jennifer Decilveo (Andra Day, Ryn Weaver). Il produttore ha lavorato per bilanciare il lato punk di Beth con la prospettiva e il gusto pop. Come Ditto racconta: “È stata le rotelle dei miei pattini. Abbiamo discusso tutti i giorni e ho amato questa cosa”.

In Fake Sugar, la Ditto affronta temi come l’amore, la perdita, il guardarsi indietro e l’andare avanti con tutto il suo essere sexy, l’intensità emotiva, la potenza e la bellezza che circondano un artista così critica, spregiudicata e irriverente come lei. Il disco è un mash-up di blues, pop, delirio rock e soul dalle sfumature country.

In And Out è un brano capace di far ballare con un mood anni ’50, Savoir Faire unisce un ritmo disco con la voce rock infuocata della cantante e Go Baby Go è un tributo ad Alan Vega dei Suicide, elegantemente vestito di pelle nera mentre sfreccia su un’autostrada interstellare. In Oh My God l’istintività, i gorgheggi e la disinvoltura di Beth Ditto fanno di lei un incrocio tra Tina Turner e Bobbie Gentry.

Questa la tracklist completa di Fake Sugar:
Fire
In And Out
Fake Sugar
Savoire Faire
We Could Run
Oo La La
Go Baby Go
Oh My God
Love In Real Life
Do You Want Me To
Lover
Clouds

Ditto è cresciuta in un piccolo paese dell’Arkansas, Judsonia. “Le persone mi chiedono dove ho preso tutta la sicurezza in me stessa” racconta lei. “Parlate con mia madre”.
Sua madre era un supereroe: una infermiera single che ha cresciuto 8 figli. Il padre di Beth era un musicista che la portava a lavoro con sé, sulla sua bicicletta con una lattina di Cherry Coke in mano, insegnandole i passi del Two Step. Ditto lasciò la città a 18 anni insieme a quelli che sarebbero diventati la sua futura band e andò a vivere a Olympia, Washington.

“Stavo scappando dalla parte peggiore della cultura del Sud. Sono abbastanza grande ora e molto grata alla mia famiglia, al punto che posso finalmente riconoscere il buono del posto in cui sono cresciuta”.

I testi di Fake Sugar sono pieni di quelle allusioni, dalle rime ispirate ai giochi con le mani nei campi di scuola ad espressioni slang come “Yankee dime” (un bacio).

Oltre ad avere pubblicato 6 album acclamati dalla critica con i Gossip, Beth Ditto ha collaborato con artisti come Blondie, la leggenda della disco Cerrone e del drumstep DJ Netsky, ha lavorato inoltre con Jean Paul Gaultier per la sua linea di abbigliamento, ha fatto da modella per Marc Jacobs ed è apparsa nel film di Tom Ford Nocturnal Animals.
Essere poi una novella sposa ha dato a Beth Ditto una nuova prospettiva sul romanticismo, come si può intuire da alcune canzoni di Fake Sugar.

“Questa è l’età adulta – scherza – hai combattuto per il diritto ai matrimoni gay e ora ci vivi dentro”.

You might also like

USCITE

Arriva oggi Canzoni Della Cupa, il nuovo album di Vinicio Capossela

Oggi, venerdì 6 maggio, esce Canzoni Della Cupa (La Cùpa/Warner Music), il nuovo disco di Vinicio Capossela. Il doppio album è un’opera originale, su cui Capossela ha lavorato per 13

USCITE

Muse: entro fine anno la raccolta Origin Of Muse

Dopo la pubblicazione del singolo Dig Down, nonostante i fans si aspettassero l’annuncio della pubblicazione di un nuovo album, i Muse hanno annunciato che entro fine anno pubblicheranno una raccolta

USCITE

Marco Mengoni: ne Le Cose Che Non Ho, anche un brano di Giuliano Sangiorgi

Si avvicina la data di uscita del nuovo ed atteso album di Marco Mengoni e proprio stamane il cantante ha voluto regalare ai fan una nuova “chicca” sulla sua ultima