Baustelle: musica e colori tra i paesaggi Unesco

Baustelle: musica e colori tra i paesaggi Unesco

Attraverso Festival è approdato venerdì scorso al Parco della Zizzola di Bra (Cuneo) per regalare una serata indimenticabile. Un migliaio di spettatori hanno assistito al concerto dei Baustelle, che hanno presentato il loro tour “L’amore e la violenza”. In poco meno di due ore, Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini, accompagnati dalla band live composta da Ettore Bianconi, Alessandro Maiorino, Diego Palazzo, Sebastiano De Gennaro e Andrea Faccioli, hanno presentato il meglio del loro repertorio, con uno spettacolo pieno di colori, parole, canzoni e moltissima ironia.

Era da una quindicina d’anni, ormai, che il gruppo toscano non varcava i confini braidesi. L’ultima esibizione, infatti, era stata ospitata dal glorioso “Macabre” nel 2003 alla presenza di una ventina di spettatori. Da quel momento tante cose sono cambiate, il gruppo è cresciuto ed oggi, il pubblico che li segue è sempre più numeroso. Anche l’ultimo disco “L’amore e la violenza” ha ottenuto ottimi riscontri nelle vendite.

Con i Baustelle (e Cristiano De Andrè che suonerà questa sera ad Alba) si chiude così il grande festival del territorio Unesco. Sono stati 15 giorni di grande spettacolo, in cui la qualità e le produzioni originali, hanno conquistato una vastissima platea. Ricordiamo che il progetto è stato realizzato da progetto di Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour di Torino e Produzioni Fuorivia di Alba che ringraziamo per l’invito.

Questa la scaletta della serata; Love; Il vangelo di Giovanni; Amanda Lear; Betty; Eurofestival; Basso e batteria; La musica sinfonica; Lepidoptera; La vita; Ragazzina; Charlie fa surf; Un romantico a Milano; Piangi Roma; Gomma; Bruci la città; La canzone del parco; L’aeroplano; La moda del lento; K. (Cigarettes After Sex cover) ; La guerra è finita. Bis: Veronica n.2; La canzone del riformatorio.

Foto e testo di Vincenzo Nicolello



#Follow us on Instagram