Arriva il 18 ottobre il nuovo album dei Floating Points, si chiama CRUSH

Arriva il 18 ottobre il nuovo album dei Floating Points, si chiama CRUSH

Crush‘ è il nuovo album di Floating Points, dal 18 ottobre in digitale, vinile e cd.

Anticipato dal singolo ‘Last Bloom‘ e a quattro anni di distanza da ‘Elaenia’ (Pluto, 2015), ‘Crush’ porta nuovamente sotto i riflettori il talento di Sam Shepherd, musicista di formazione classica con la passione per il jazz e uno status da dj acclamato in tutto il mondo, capace di smuovere il dancefloor del Berghain con una strumentale di venti minuti di Pharoah Sanders.

Un’esplosione di sperimentalismo elettronico e omaggio alla scena della ‘bass music’ britannica dalla quale Shepherd è emerso alla fine del 2000, ‘Crush’ è formato da sonorità da club e altre più adatte all’ascolto, costruite mettendo insieme generi musicali inaspettati. ‘Proprio come quello che succede quando sei a casa a suonare con i tuoi amici e ti esprimi in libertà’, afferma.

Questo secondo album di Floating Points, con il suo tipico trademark malinconico di suggestioni nate dal synth Buchla, la cui inquietante modulazione attraversa un pò tutte le dodici tracce, è ispirato dai alcuni concerti del 2017, totalmente improvvisati, a supporto di The xx. Dopo il live con il suo Ensemble al Coachella di quell’anno, Shepherd si era presentato sul palco da solo insieme al suo fidato synth. L’idea era di fare qualcosa di ‘davvero melodico e lento’ per adattarsi all’umore dei protagonisti, ma il risultato è stato quello di aver creato ‘una delle musiche più aggressive mai prodotte, davanti a 20.000 persone ogni notte. È stato liberatorio.’

Per i prossimi concerti, ancora una volta Shepherd ha collaborato con Hamill Industries, il duo che ha portato nei suoi precedenti tour innovative tecnologie laser. La loro visione è quella di creare un dialogo costante tra musica e grafica. Questa volta i loro elementi visivi ingrandiranno il mondo naturale, dove i paesaggi rispondono alla musica e fiori, turbinii e arcobaleni di bolle potrebbero spostarsi e trasformarsi in una grancassa. Quello che si trova sullo schermo dietro Shepherd potrebbe ‘sembrare un cosmo di colori in corso, ma in realtà è una piccola bolla con un obiettivo macro che viene spostato dalle frequenze del mio Buchla. Significa mettere un sacco di Fairy Liquid sul nostro tour rider’, aggiunge. Questo è anche il processo con cui è stata realizzata la grafica dell’album.

Floating Points è atteso in Italia a settembre per due dj set, l‘8 al Radice Pura di Giarre (CT) per Ricci Weekender e il 27 alla Fondazione Prada di Milano per I Want To Like You But I Find It Difficult. A novembre invece i primi live con le tracce di ‘Crush’: il 13 a Parigi all’Elysee Montmartre, il 16 a Berlino alla Funkhaus e il 21 a Londra al Printworks.

TRACKLIST

FALAISE | LAST BLOOM | ANASICKMODULAR | REQUIEM FOR CS70 AND STRINGS | KARAKUL | LESALPX | BIAS | ENVIRONMENTS | BIRTH |
SEA-WATCH | APOPTOSE PT1 | APOPTOSE PT2 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi