Warning: imagejpeg(): gd-jpeg: JPEG library reports unrecoverable error: in /home/thefron7/public_html/wp-includes/class-wp-image-editor.php on line 402

Warning: imagejpeg(/home/thefron7/public_html/wp-content/uploads/ngg_featured/IMG_6344.CR2_-3800x2139_c.jpg): failed to open stream: Disk quota exceeded in /home/thefron7/public_html/wp-includes/class-wp-image-editor.php on line 402
Agnes Obel grazie alla sua musica strega il pubblico di Ferrara

Agnes Obel grazie alla sua musica strega il pubblico di Ferrara

La talentuosa cantautrice e pianista danese Agnes Obel unisce modernità e stile cameristico ad un gusto neoclassico, reinventando il genere nel nome della ricercatezza melodica. La delicatezza delle liriche e degli arrangiamenti elevano la musicista nell’Olimpo delle nuove icone della musica colta contemporanea, valicando i limiti della rigidità didattica con disinvoltura e originalità.

E’ qui in Italia per presentare il suo ultimo disco  Citizen of Glass uscito a fine 2016 su Play It Again Sam (distribuzione Self). Con i precedenti Aventine (2013) e Philharmonics (2011), entrambi clamorosi successi, Agnes si è aggiudicata il disco di platino in Francia e Belgio, Olanda e Danimarca, oltre a numerosissimi Danish Awards, vendendo quasi 1 milione di copie.

Questa sera nella splendida cornice del cortile del castello estense di Ferrara Agnes verrà anticipato dai V.O.. Normalmente sono un gruppo di 6 musicisti tutti provenienti dal Belgio, ma qui a Ferrara si presenta solo il cantante  con la sua chitarra  elettrica. Il suo pop/folk è molto orecchiabile e però ne risente della mancanza della band che avrebbe dato più linfa alla sua performance.

Con un po’ di ritardo ecco salire sul palco Agnes accompagnata da due violoncelliste e da una percussionista.
Testi impegnati, retrospettivi e lunatici sono la base della musica di Agnes Obel, che se ha di certo colpito un maestro come David Lynch un motivo ci sarà. La prima parte del set esegue i pezzi con la pianola ed effetti psichedelici per poi portarsi al pianoforte per i pezzi più intimi.
C’è da dire che le canzoni sono abbastanza monotone e non hanno nessun sussulto rilevante, ma  anche questa sua monotonia ha qualche cosa di intrigante. Questo è il suo modo di fare musica e  il suo spettacolo porta oltre i classici canoni di un concerto, per dirigerlo di più verso uno spettacolo a 360 gradi.
La sua precisione nel suonare gli strumenti e la sua voce melodica strega l’ascoltatore più attento portandolo in un’altra dimensione.

Si ringrazia per il gentile invito DNA concerti e Ferrara sotto le stelle 

Foto e testo di Carlo Vergani

Agnes Obel 

V.O.

 

Previous Francesco Gabbani conquista e fa ballare il Gru Village
Next Machine Gun Kelly: una mitragliatrice di rime al Carroponte

You might also like

GALLERY

Jennifer Batten, la storica chitarrista di Michael Jackson da Merula

Il 3 novembre, grande evento al Magazzino Musicale Merula. Sul palco è salita Jennifer Batten, storica chitarrista di Michael Jackson. La Batten ha suonato la sua chitarra per il Re

GALLERY

L’Astro festival trasforma la piazza estense in una grossa discoteca

E’ giunta alla ventunesima edizione il Festival che trasforma la piazza castello di Ferrara in un arena dove a farla da padrone sarà la musica. Ad aprire la rassegna c’è un

GALLERY

Il rock dei Wilco infiamma Ferrara Sotto Le Stelle

Dopo tre anni di attesa torna in Italia la band statunitense Wilco, una tra le formazioni più influenti e amate degli ultimi decenni. Autori di album fondamentali per la storia