L’Arena di Verona in delirio per i 2Cellos

L’Arena di Verona in delirio per i 2Cellos

Per l’unica data italiana di questa tranche di concerti, a coronamento di 5 anni di carriera in continua ascesa, i 2Cellos – all’anagrafe Luka Sulic e Stjepan Hauser – hanno scelto la suggestiva location dell’Arena di Verona.

Il 5th Anniversary Special Concert ha registrato il tutto esaurito in poco tempo, segno di quanto questi due giovani musicisti croati siano amati nel nostro Paese. La ricetta per questo successo è il connubio tra musica classica e rock, che combina i classici di Beethoven con i riff dei Led Zeppelin, passando per Vivaldi e Rossini, fino agli Iron Maiden. Mai questi generi sono stati così vicini.

L’esibizione dei due violoncellisti è iniziata con un tributo al Maestro Ennio Morricone, in un continuo crescendo che passa per Bach fino ad arrivare a The Streets Have No Name degli U2.
In questa occasione i 2Cellos hanno voluto regalare qualche anticipazione di quello che sarà il loro quarto album, degno successore di Celloverse del 2015, che è stato anticipato da Whole Lotta Love vs Beethoven 5th Symphony, un pezzo che combina la più famosa sinfonia del compositore tedesco con il classico del rock firmato Led Zeppelin.
Ma l’Arena è in delirio quando partono le prime note di Thunderstruck degli Ac/Dc, divenuto ormai un classico del loro repertorio, seguito da Highway To Hell, durante la quale Hauser ha indossato sulla testa le corna luminose simbolo della band australiana e si è letteralmente scatenato.

In scaletta non sono mancati classici del rock come Resistance dei Muse, Welcome to the Jungle dei Guns N’Roses, Viva la Vida dei Coldplay, giusto per citarne alcuni. Ma oltre al rock, sanno rivisitare anche la dance: non a caso propongono una personalissima versione di Wake Up del dj e producer Avicii.

Questa l’intera scaletta proposta:
AOBLIVION
GABRIEL’S OBOE
WHERE THE STREETS HAVE NO NAMES
VIVA LA VIDA
SHAPE OF MY HEART
RESISTANCE
WITH OR WITHOUT YOU
HUMAN NATURE
SMOOTH CRIMINAL
WELCOME TO THE JUNGLE
TUNDERSTRUCK
VOODOO PEOPLE
MOMBASA
THEY DON’T CARE ABOUT US
SMELLS LIKE TEEN SPIRIT
SHOOK ME ALL NIGHT LONG
HIGHWAY TO HELL
SATISFACTION
THE TROOPER
WHOLE LOTTA LOVE
BACK IN BLACK
AIR ON A G STRING
WAKE ME UP
WE FOUND LOVE
FIELDS OF GOLD

Nel ringraziare Elena Pantera dell’Ufficio Stampa Pantarei per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Elena Arzani:

Previous Samuele Bersani torna con La Fortuna Che Abbiamo, il live album
Next Radio Italia Live torna nel 2016 con un doppio appuntamento in Piazza Duomo

You might also like

GALLERY

Serata travolgente al Circolo Magnolia con Peaches e Black Cracker

La musicista-videomaker-producer Peaches, autrice di alcuni tra i brani più sovversivi sui temi di corpo e identità sessuale degli ultimi 20 anni, è tornata in Italia al Circolo Magnolia di

REPORTAGE

Rovazzi: uno spettacolo che ha deluso tutti quanti

Da oggi probabilmente ad Asti, trasformeranno il tormentone “andiamo a comandare” in “andiamolo a fischiare”. Questo è il commento che ci sentiamo di fare al termine dell’esibizione di Rovazzi di

REPORTAGE

Poesia e musica con gli Stadio al Creberg Teatro di Bergamo

Quasi 40 anni di carriera per Gaetano Curreri e soci in una serata piena di emozioni, in cui il palcoscenico si colora di poesia e di bellissime canzoni, che hanno,